Solennità di San Benedetto a Villatalla

DSCN0082

Il vicario generale, Mons. Brancaleoni, al santo altare.

11 luglio, giornata di festa al monastero. Come ogni anno festeggiamo in questo giorno la solennità di San Benedetto. La chiesa si riempie per la celebrazione della santa messa secondo il rito tradizionale celebrata dal vicario generale, Monsignor Giorgio Brancaleoni, circondato da diaconi, suddiaconi e altri officianti. In mezzo ai fedeli, tra gli altri, i nostri vicini e amici e, quest’anno, gli Scouts unitaires de France, senza contare la dozzina di sacerdoti diocesani venuti a condividere la festa.

DSCN0121

La foto ricordo

DSCN0129

Il pranzo festivo sotto la tenda

Dopo la cerimonia, il nostro oblato secolare, Fra Angelo Giuseppe, aiutato dalle pie donne della parrocchia, ha servito un pranzo sul prato, all’ombra della chiesa. Il Padre Priore ha ringraziato tutti coloro che, in cielo e in terra, hanno concorso alla riuscita di questa bella giornata sotto gli auspici di San Benedetto; e ha raccomandata ad ognuno di offrire una preghiera affinché il Signore ci invii sante vocazioni.

DSCF0098

Il nostro grande patriarca San Benedetto da Norcia

In tale occasione facciamo nuovamente nostro questo pensiero e questa preghiera di grande attualità che Dom Gérard, trentacinque anni fa, rivolgeva agli amici del monastero:

“1500 anni fa, si levava sull’orizzonte tragico delle grandi invasioni la figura raggiante di San Benedetto, patriarca dei monaci di Occidente. La sua vita colma di miracoli fu una sfida lanciata ad un mondo che per la sua crudeltà rassomigliava in qualche cosa al nostro, in preda all’agitazione e al caos. Fece regnare intorno a lui la bontà, la dolcezza e la pietà filiale. I suoi discepoli coprirono l’Europa di monasteri, insegnando ai popoli l’arte di pregare e di lavorare per Dio nella speranza del cielo.
Che la protezione del nostro grande patriarca, cari amici e benefattori, si stenda come un manto di pace si di voi, sulle vostre famiglie e sulle vostre case. Che egli voglia ispirarci soprattutto il vivo desiderio di servire Dio e un’immensa fiducia nella sua provvidenza”.

This entry was posted in Non classé. Bookmark the permalink.